Corriere della Valtellina luglio 1914


Dalle raccolte originali conservate dalla Biblioteca Rajna, è in corso la digitalizzazione dei periodici dalla fondazione a metà del XIX secolo fino al 1945. La collezione, una prima selezione che verrà arricchita nel tempo, comprende alcune delle principali testate d’informazione che costituiscono una preziosa testimonianza della vita sociale, politica e culturale della provincia di Sondrio. La prima fase del progetto, conclusa a dicembre 2017, è stata realizzata da Società Economica Valtellinese (capofila), Biblioteca Rajna e Servizio Cultura e Istruzione della Provincia con il contributo di Fondazione Pro Valtellina, Comune di Sondrio, Provincia di Sondrio, Fondazione Gruppo Credito Valtellinese e associazione Amici della Biblioteca di Sondrio.

Sull'argomentoEditoria cultura e società : quattro secoli di stampa in Valtellina : 1550-1980 / Franco Monteforte, Battista Leoni, Giulio Spini. - [Sondrio] : Banca Popolare di Sondrio, c1985-1990 (Bergamo : Bolis, 1990). - 2 v. (315, 328, [13] p.) : ill. ; 27 cm

Per la consultazione: scegliendo dal seguente elenco, selezionare il periodico e attendere il caricamento completo della scheda, quindi cliccare sul tasto "Leggi online".

Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Almanacchi - 1853-1858

Trovati 1 documenti.

Cenni statistici, e Notizie patrie valtellinesi con almanacco per l'anno
0 0 0
Seriali

Cenni statistici, e Notizie patrie valtellinesi con almanacco per l'anno

Sondrio : presso Pietro Antonio Maisen, 1853-1858 (Milano : Placido Maria Visaj)

  • Non prenotabile
  • Fascicoli: 6
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Cenni Statistici o Notizie patrie sulla Provincia di Sondrio stampato nel 1852 a Sondrio nella tipografia Bossi. Dal 1853 al 1858 varia il complemento del titolo in Notizie patrie valtellinesi e viene pubblicato presso l’editore Pietro Maisen. Contiene notizie sull’amministrazione e le istituzioni pubbliche provinciali e documenta in particolare i campi dell’agricoltura, dell’istruzione e della sanità. Conserva negli anni lo stesso formato (cm 16 x 11) e l’impostazione grafica tipica di molti annuari ottocenteschi